Fibromialgia: come curare la patologia

Curare la fibromialgia non è semplice perché purtroppo da questa patologia non si guarisce. Si possono comunque tenere sotto controllo i sintomi.

La fibromialgia è una sindrome cronica e sistemica in cui il sintomo principale è rappresentato da forti dolori all’apparato muscolare e scheletrico. Viene catalogata come una patologia reumatica di natura extrarticolare e colpisce soprattutto le persone di sesso femminile. Alcune volte viene erroneamente confusa con l’artrite, ma, a differenza di questa, essa non produce infiammazione interna o danni alle articolazioni.

La fibromialgia si ripercuote sul tessuto connettivo di tutto il corpo e attacca in particolare muscoli, tendini e nervi. Scopriamo i sintomi e come curare la fibromialgia in maniera corretta.

Come curare la fibromialgia

Al giorno d’oggi in Italia non c’è un un farmaco unico contro la fibromialgia. Tutti i farmaci sono da iniziare con un dosaggio molto basso che viene pian piano corretto dal medico curante. Negli USA invece l’ente governativo deputato alla regolamentazione di prodotti alimentari e farmaceutici ha approvato il milnacipran, il duloxetina e il pregabalin.

Spesso vengono impiegati farmaci miorilassanti con lo scopo di contrastare la rigidità. La sera, per migliorare il sonno, vengono suggeriri medicinali utili a questo scopo. Sono molto utilizzati anche fli antidepressivi come inibitori della ricaptazione della reratonina e della norepinefrina. Nel caso degli antidepressivi è bene utilizzare la dose minima efficace che risulta essere più bassa rispetto alle normali funzioni antidepressive. Risultano utili anche gli antidolorifici come paracetamolo, tanpentadolo e tramadolo.

Gli antinfiammatori e i cortisonici risultano essere invece poco efficaci per curare la fibromialgia.

Oltre alle cure farmacologiche, risulta essere molto utile al paziente fare un cambiamento nello stile di vita. Suggeriamo di dormire un giusto numero di ore ogni notte e di praticare attività fisica adattiva associata a una terapia psicologico comportamentale che permetta di gestire la malattia nel migliore dei modi. Consigliamo in particolare il pilates, lo yoga e il tai-chi.

Terapie alternative

Le tarapie alternative sono molto apprezzate da chi vuole provare un approccio olistico per mantenere il corpo in salute. Sono molto utili per ridurre il dolore spesso invalidante che viene provocato dalla fibromialgia. Sono trattamenti il cui effetto dipende da persona a persona e anche dalla gravità della patologia.

L’agopuntura, un’antica tecnica di cura praticata nella Medicina Tradizionale Cinese, è una terapia molto utile per migliorare la salute di chi soffre di fibromialgia. Anche i massaggi sono utili per alleviare il dolore e rilassare il corpo, inoltre aiutano anche a combattere stress e ansia. In entrambi i casi è fondamentale affidarsi a professionisti del settore che sappiano esattamente come manipolare il corpo nel migliore dei modi.

La fisioterapia permette, attraverso alcuni esercizi posturale e di stretching, di contrastare il dolore e di fortificare il corpo migliorando sia l’elasticità dei muscoli che dello scheletro. Questi esercizi sono in grado anche di migliorare l’equilibrio. Suggeriamo di provare la fisioterapia in acqua, sempre però facendosi aiutare da personale esperto.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come apprezzare davvero la solitudine

Le 4 fasi della dieta Dukan

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.