Doccia calda: pro e contro

Perché la doccia calda è benefica per la nostra salute? Quali sono invece gli effetti collaterali? Scopriamolo.

Una bella doccia calda può portare non pochi benefici al nostro benessere psicofisico. Certe volte, sembra proprio quel che ci vuole dopo una lunga giornata stressante. Ma può avere anche delle controindicazioni? Capiamo di più.

Doccia calda: benefici

Fare una doccia calda può portare diversi benefici alla nostra salute, e possono essere una vera e propria coccola quando ci sentiamo più affaticati.

Ma quali sono, effettivamente, questi benefici?

Migliora il sonno

Il calore della doccia, o di un bel bagno, poco prima di andare a letto aiuterebbe a migliorare il sonno. Esistono studi recenti che hanno dimostrato questo fenomeno: avvolgersi nel tepore della doccia calda aiuta il corpo a prepararsi al sonno, e ad addormentarti più velocemente, oltre che a dormire meglio.

Libera le vie respiratorie

Quando si è raffreddati, si ha il naso chiuso e c’è presenza di catarro, una doccia calda è ottima per sciogliere il muco e liberare le prime vie respiratorie.

Il vapore che si crea nell’ambiente quando si fa un bagno o una doccia calda è proprio quel che ci vuole per alleviare questi sintomi.

Rilassa i muscoli

A volte dopo esserci allenati o dopo una giornata in movimento i nostri muscoli sono doloranti e appesantiti. Una doccia calda o l’immersione delle gambe in acqua calda può essere un buon metodo per trovare sollievo, perché aiuta a rilassare i muscoli.

E’ ottima, ad esempio, per combattere dolori cervicali o alla schiena. Anche per questo migliora la qualità del nostro sonno: il corpo è più rilassato.

Ottima se hai caldo

Si pensa che durante la stagione estiva per rinfrescarsi sia meglio fare una doccia fredda, e invece no. In effetti, sarà proprio una doccia calda a farci sentire meglio: il calore esterno ed interno ci aiuta a prepararci meglio alla temperatura esterna, alta.

Una doccia fredda, invece, non farà altro che rinfrescarci esternamente, ma manterrà alta la temperatura interna, facendoci soffrire di più.

Quando evitare il bagno caldo

Nonostante i benefici di cui si è appena parlato, la doccia calda in alcuni casi potrebbe essere addirittura controproducente, o causare dei piccoli effetti collaterali.

Pelle secca

La doccia calda è molto poco indicata per la nostra pelle. La temperatura alta dell’acqua, infatti, rimuove più a fondo gli oli naturali della nostra pelle, rendendola secca e squamata, specie se viene fatta ogni giorno.

Peggio ancora accade quando si soffre di malattie della pelle, come dermatiti, eczemi o irritazioni varie: una doccia troppo calda porterebbe a sentire ancor più prurito in quelle zone.

Quando evitare il vapore

Se può essere molto utile per alleviare il catarro, allo stesso tempo una doccia calda potrebbe essere gravemente dannosa per chi soffre di patologie più importanti a livello respiratorio. A partire dall’asma, alla bronchite cronica, fino alla fibrosi cistica. In questi casi è il vapore a provocare degli effetti collaterali.

Evita le docce troppo lunghe

Stare sotto il getto caldo per troppo tempo – già oltre i 10 minuti – potrebbe risultare un comportamento errato. Questo è da evitare sia per l’eccessiva disidratazione della pelle, sia perché col calore il sangue si avvicina maggiormente alla pelle, e questo è un male: ecco perché diventiamo tutti rossi!

Doccia = sapone

Il sapone è un alleato nell’eliminazione dello sporco, ma come possiamo ben immaginare può essere anche dannoso per la nostra pelle. Anche a questo è dovuta la secchezza, l’irritazione e l’eventuale allergia. Uno dei consigli, infatti, è proprio quello di idratare nuovamente la pelle dopo la doccia, e soprattutto evitare di usare spugne particolarmente abrasive e con plastica, per evitare che la secchezza la porti a una desquamazione.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le mille qualità del miele di coriandolo: tutti i consigli

Brufoli: i consigli e gli errori da non commettere

Leggi anche
Contents.media