Carenza di proteine: la dieta da seguire

La dieta per chi ha carenza di proteine, scopriamo cosa mangiare e il menù da seguire.

Quando non si riesce ad assumere con la dieta una certa quantità di proteine o aminoacidi, soprattutto quelli essenziali, si può andare incontro a uno stato di carenza proteica. Ecco allora la dieta proteica da seguire per reintegrare le proteine necessarie all’organismo. 

Carenza di proteine: cos’è e come si manifesta 

Negli adulti sani la carenza di proteine è relativamente rara, dal momento che un regime dietetico adeguato solitamente apporta il fabbisogno quotidiano di proteine.

Il fabbisogno proteico per un adulto corrisponde a 0,8 grammi di proteine animali e vegetali per chilogrammo di peso corporeo al giorno.

Il quantitativo può aumentare a 1,2 grammi pro chilo nel caso si esegua attività fisica a media e alta intensità per 4-6 giorni a settimana. 

A essere più predisposti alla carenza di proteine sono quelli che praticano o necessitano di regimi dietetici particolari, come per alcune patologie e le diete dei vegetariani o vegani, in cui questa condizione può essere più frequente se l’alimentazione non è ben impostata.

Tra le cause della carenza di proteine vi sono:

L’insufficiente apporto alimentare di proteine come avviene nelle diete sbilanciate;

L’anoressia nervosa e altre forme di ipo/anoressia;

L’aumento del fabbisogno per età;

L’aumento del fabbisogno in condizioni psicofisiche specifiche. Gli atleti, le donne in gravidanza, i bambini e gli adolescenti in fase di crescita, ad esempio, hanno bisogno di un po’ più di proteine;

L’aumento del fabbisogno in presenza di patologie;

Alcune malattie intestinali o dello stomaco possono causare una carenza di proteine secondaria al malassorbimento.

I segni e i sintomi di un deficit di proteine nel sangue possono essere:

Una sensazione di stanchezza eccessiva e inspiegabile (astenia);

magrezza patologica (si può vedere anche dalla maggior prominenza delle ossa del collo o della clavicola);

perdita di capelli;

indebolimento del sistema immunitario (i globuli bianchi importanti per la risposta immunitaria sono composti da proteine);

debolezza delle ossa, fino a favorire la presenza di osteoporosi per la riduzione della tensione muscolare sulla struttura scheletrica e per la riduzione dell’effetto cuscinetto del muscolo sull’osso;

maggior difficoltà nella guarigione delle ferite;

dermatite squamosa o irritazione della pelle, perché la mancanza di proteine può rendere l’epidermide più vulnerabile agli allergeni e ad altre sostanze irritanti, fino alla comparsa di lesioni da decubito ;

ritenzione idrica , con accumulo di liquidi nelle parti inferiori del corpo e, in particolare, con edemi a livello degli arti inferiori. Questo sintomo rappresenta un indice di carenza proteica molto grave.

La dieta per carenza di proteine: cosa mangiare

La dieta che aiuta chi ha carenza di proteine dovrebbe essere a base di questi alimenti che appunto sono ricchi di proteine. Ecco quali mangiare e quanto spesso:

Carne: come manzo, vitello, pollo, coniglio, tacchino.

Pesce: alternare tutti i tipi di pesce, utilizzando anche pesce surgelato e occasionalmente, se necessario, pesce in scatola preferibilmente al naturale. Da consumare almeno 3 volte la settimana.

Formaggi: un paio di volte a settimana, sostituire il secondo piatto di carne o uova con 100 g di formaggio fresco o 50 di stagionato come Grana Padano DOP. Questo formaggio ha un elevato contenuto di proteine ad alto valore biologico (il 33% del suo peso) e contiene i 9 aminoacidi essenziali.

Inoltre può essere consumato giornalmente grattugiato per insaporire i primi o i passati di verdure al posto del sale. Il consumo incrementa l’apporto proteico ai pasti e favorisce il raggiungimento del fabbisogno giornaliero di calcio.

Affettati: scegliere i più magri (prosciutto cotto, crudo, bresaola, speck, arrosto di pollo o tacchino), privandoli del grasso visibile.

Uova: non sono affatto controindicate negli anziani: al contrario, rappresentano un alimento nutriente, economico e ricco in proteine. Si consiglia di consumare 2-4 uova alla settimana. 

Latte parzialmente scremato o uno yogurt magro: in particolare quello colato (greco) perché contiene mediamente 3 volte proteine (9,5g/100) rispetto a quello normale. 

Legumi: (fagioli, piselli, lenticchie, soia…), sono i vegetali che contengono più proteine, inoltre, associandoli ai cereali (ad es. pasta e fagioli, riso e piselli) oppure in minestrone, apportano aminoacidi simili a quelli della carne o del latte.

Cosa fare in caso di carenza proteica

In caso di carenza di proteine, si consiglia:

Una costante attività fisica, aerobica e anaerobica (150 minuti a settimana, ottimali 300), che è in grado di limitare fortemente il processo sarcopenico , se unita a esercizi di rinforzo muscolare.

Monitorare il peso corporeo per prevenire la malnutrizione. 

Seguire la dieta, come quella indicata precedentemente. 

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

La beauty routine di Julia Roberts: i segreti di bellezza dell’attrice

Scutigere in casa: come allontanarle naturalmente

Leggi anche
  • 1216x832 16 08 30 57 852095863Dieta Ipocalorica: Cosa Mangiare e Menu Settimanale

    Questo articolo fornisce una guida sulla dieta ipocalorica, basata su alimenti a basso contenuto calorico ma nutrienti, per perdere peso in modo sano. Include principi dietetici, alimenti consigliati e un esempio di menu settimanale.

  • 1216x832 15 08 32 05 326089832Cosa Mangiare la Sera: Idee Gustose per Ogni Occasione

    Questo articolo propone idee per cene leggere e nutrienti, comfort food che richiamano i sapori di casa, e cene gourmet per sorprendere con eleganza, sottolineando l’importanza della cena come momento di relax e scoperta dei sapori.

Contentsads.com