dieta ; vegetariana ; veronesi

Il Professor Umberto Veronesi, oncologo di fama internazionale, è uno strenuo sostenitore di questo regime alimentare nella versione latto-ovo-vegetariana.

Secondo il Professore la dieta vegetariana allunga la vita perchè ingerendo vegetali agevoliamo il transito intestinale e quindi le sostanze tossiche presenti normalmente negli alimenti che ingeriamo e derivanti dall’ambiente e dall’inquinamento non vengono assorbite dal tessuto adiposo come invece succede consumando proteine animali, questo perchè i vegetali ristagnano meno nell’intestino al contrario delle proteine animali.

Ecco il perchè della correlazione tra consumo eccessivo di grassi saturi e insorgenza di patologie tumorali.

Seguire un’alimentazione di stampo vegetariano riduce il colesterolo grazie alla riduzione del consumo di grassi saturi che favoriscono, se in eccesso, la formazione di placche arteriosclerotiche responsabili di ictus e ischemie.

Consumare alimenti vegetali inoltre riduce il fosforo nelle urine e quindi previene problemi ai reni.

Un aspetto interessante del regime vegetariano è che aiuta a diminuire gli effetti della depressione grazie al consumo di riso, legumi e cereali.

Ma vediamo un menù tipo
colazione
Latte vegetale o yogurt con fiocchi di cereali mescolati a frutta secca o semi
oppure
pane di segale con miele d’acacia o marmellata

spuntino frutta o yogurt

pranzo

un piatto di cereali tipo riso, orzo, farro o quinoa per esempio con sugo di pomodoro, verdure e semoi

contorno di verdure cotte o crude

seitan o tofu o formaggio fresco con verdure

frutta

un quadratino di cioccolato fondente

merenda
yogurt o frutta o una manciata di frutta secca

cena
passato di verdure con l’aggiunta di una piccola manciata di cereali

oppure

un’insalata mista con pane di segale

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basta farmaci “al cucchiaio”: rischio overdose in agguato per i bambini

SOS abbuffate natalizie: contro stitichezza e gonfiori addominali clistere al caffè

Leggi anche
Contents.media