Notizie.it logo

Difficoltà linguistiche dei bambini autistici

bambini autistici

I bambini autistici possono avere problemi comunicativi, sia a livello verbale sia livello di linguaggio del corpo. Ecco i principali.

All’età di tre anni, la maggior parte dei bambini ha superato molti passaggi fondamentali dell’apprendimento linguistico. Uno dei primi è il vocalizzo. Al primo compleanno, il bimbo medio dice qualche parola, si gira quando sente il proprio nome, indica il giocattolo che vuole, e quando gli si offre qualcosa che non gli piace, lo fa capire chiaramente. All’età di due anni è in grado di dire piccole frasi e di seguire semplici indicazioni. I ricercatori hanno dimostrato che circa la metà dei bambini autistici rimangono muti per tutta la vita. Alcuni neonati che mostrano i segni dell’autismo più in là vocalizzano nei primi mesi sei mesi di vita. E poi si fermano. Nonostante possano imparare a comunicare tramite il linguaggio dei segni o speciali attrezzature elettroniche, potrebbero non parlare mai.

Altri potrebbero sviluppare questa capacità più in là, tra i 5 e gli 8 anni.

Le parole dei bambini autistici

I bambini autistici che parlano, spesso lo fanno in modo insolito. Alcuni sembrano non essere in grado di combinare le parole in frasi di senso compiuto. Altri pronunciano solo parole singole. Altri ancora ripetono sempre la stessa frase in ogni circostanza.

Alcuni bambini autistici sono in grado solo di ripetere quello che sentono, un disturbo chiamato ecolalia. Se non si fa esercizio costante, fare da eco a ciò che dicono gli altri potrebbe essere l’unico modo in cui i bambini autistici parleranno per tutta la vita. Quello che ripetono potrebbe essere una domanda che gli è appena stata posta, o una pubblicità televisiva. O, di punto in bianco, un bambino potrebbe urlare: “stai sulla tua corsia!” – qualcosa che ha sentito dire a suo padre settimane prima.

Nonostante i bambini non affetti da autismo attraversino una fase in cui ripetono quello che gli viene detto, normalmente è già superata quando compiono 3 anni.

I bambini autistici tendono anche a confondere i pronomi. Non afferrano che le parole “mio”, “io”, “tu” cambiano di significato in base a chi parla. Quando l’insegnante di Alan gli chiede “Come mi chiamo?”, lui risponde “Mi chiamo Alan”.

Ripetizioni

Alcuni bambini dicono la stessa frase in svariate circostanze. Una bambina, per esempio, dice “Sali in macchina” in momenti casuali della giornata. Nonostante all’apparenza sembra un’affermazione bizzarra, potrebbe esserci uno schema che abbia un senso in quello che dice. Potrebbe dirlo ogni volta che vuole uscire di casa. Nella sua testa associa il salire in macchina con l’uscire di casa.

Un altro bambino dice “latte e biscotti” ogni volta che è divertito, probabilmente perché associa questo cibo che gli piace con altre cose che gli piacciono.

Linguaggio del corpo

Potrebbe essere altrettanto difficile capire il linguaggio del corpo dei bambini autistici. La maggior parte di noi sorride quando parla di cose che gli piacciono, o fa spallucce quando non sa rispondere a una domanda. Ma per un bambino affetto da autismo, le espressioni facciali, i movimenti e i gesti raramente coincidono con quello che dicono. Anche il tono di voce non riflette i loro sentimenti. È comune che parlino con una voce piatta, acuta o simile a un robot.

Senza una gestualità significativa o la lingua per chiedere le cose, i bambini autistici spesso non riescono a far capire cosa vogliono.

Di conseguenza, potrebbero semplicemente urlare e afferrare ciò che vogliono. Temple Grandin, una donna eccezionale affetta da autismo che ha scritto due libri al riguardo, ammette: “Non essere in grado di parlare era frustrante. Urlare era l’unico modo che avevo per comunicare”. Spesso pensava logicamente tra sé e sé: “Ora urlo perché voglio far capire a qualcuno che non voglio fare qualcosa”. Finché non gli vengono insegnati i mezzi per esprimere i propri bisogni, le persone autistiche fanno tutto quello che possono per farsi capire dagli altri.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche