L’importanza della pittura per i bambini (video)

Picasso diceva che "Tutti i bambini sono degli artisti nati, ma che il difficile sta nel restarlo da grandi".

Talento innato e capacità di conservarlo a parte, l'arte e la pittura in particolare rappresentano comunque occasioni di crescita e formazione uniche per i più piccoli.

Come e perché lo spiega DeAbyDay in una video-intervista a Giuliana Cancelli, fondatrice dell'asilo nido C'era una volta di Milano.

Di seguito qualche breve precisazione testuale sull'argomento nella forma domanda-risposta.

Perché la pittura è importante per i bambini?
Perché è l'attività per eccellenza attraverso cui il bambino si esprime. Attraverso la pittura il bambino vive e comunica le sue emozioni. È la libera espressione di ciò che ha dentro.

Sono importanti i tipi di materiali?
Sì.

I bambini iniziano a giocare con i colori quando sono piccoli, attraverso l'uso di materiali diversi: si inizia con i pastelloni a cera, molto grossi e morbidi, che lasciano il segno sul foglio senza difficoltà. Si passa poi alle matite colorate, alle matite nere; si usa quindi la tempera, che andrà stesa prima con le mani, su fogli grandi, e poi con il pennello, quando il bambino avrà sviluppato la capacità di impugnarlo.

I bambini devono essere guidati in questa attività?
È importante che si sentano liberi di esprimersi, senza nessuna restrizione. Devono sentirsi liberi di muoversi, quindi meglio se indossano abiti comodi. Devono essere liberi di sporcarsi, perché significa che sono dentro al disegno, che riescono a vivere con il corpo quello che stanno esprimendo sul foglio.

Anche la dimensione del foglio è importante?

Sì. Si parte con il foglio molto grande quando sono piccoli e poi man mano si restringe il foglio e si varia nell'uso dei materiali.

Ci sono dei passaggi importanti in questa attività?
Certamente. Il bambino, intorno ai due anni e mezzo, decide cosa vuol fare. Questo è un passaggio molto importante: se prima esprimeva con il corpo le sue emozioni, ora inizia a usare la matita o il pennello e decide cosa vuole fare. Significa che il bambino prende una decisione su quello che vuole mostrare, quale emozione vuole rappresentare.

Come interpretare quello che il bambino ci vuole comunicare?
È importante che impariamo a leggere, in questa comunicazione pittorica, quello che il bambino sta esprimendo. In genere, il bambino vuole esprimere la sua gioia, la sua voglia di vivere. Possono capitare dei momenti più seriosi, per esempio quando un bambino utilizza i colori più scuri, più cupi. Possiamo, poi, chiedere loro di raccontarci cosa hanno disegnato. E scopriremo delle storie bellissime che il bambino saprà narrare insieme al disegno. Questa comunicazione attraverso il disegno, questo colloquio genitori-figli, è fondamentale.

Ci sono opere d'arte che sembrano realizzate da bambini. Che rapporto c'è fra l'arte contemporanea e il bambino?
I bambini riescono a creare delle figure che ci lasciano stupiti, perché interpretano la realtà con i loro occhi e riescono a riprodurla senza filtri mentali. Con pochi tratti, un bambino è in grado di rappresentare quello che vede. Molte opere d'arte moderna e contemporanea mostrano la realtà vista con gli occhi dell'artista, con una lettura non convenzionale ma che passa attraverso le emozioni. E il bambino è maestro nell'esprimere emozioni.

Oltre all'espressività, alla manifestazione dei propri sentimenti ed emozioni, la pittura ha una forte valenza nello sviluppo cognitivo del bambino. Stimola la sensibilità tattile e visiva, aiuta la capacità di concentrarsi e di comunicare, coadiuva le funzioni neuro cognitive associando i colori alle forme e ai nomi, sviluppando la facoltà del linguaggio.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Idee per vacanze alternative sull'e-Magazine Nèo

Alga spirulina in gravidanza contro l'influenza

Leggi anche
  • buoni propositiBuoni propositi di settembre? Come metterli in pratica

    Mettere in pratica i buoni propositi di settembre non è semplice, ma con un po’ di buona volontà e seguendo alcuni consigli sarà possibile.

  • September bluesSeptember blues: come affrontare il rientro dalle vacanze

    Il September blues è un problema per tantissime persone che stanno facendo i conti con il rientro dalle vacanze: ecco come affrontarlo.

  • propositi settembrePropositi di settembre: come sceglierli e quali ha senso mantenere

    Scegliere i buoni propositi da mantenere a settembre è tutt’altro che semplice, ma di certo lo è ancora di più mantenerli: ecco come fare.

  • sconfiggere l'ansia da lavoroAnsia da esami? 3 consigli per superare al meglio la sessione d’esame

    La sensazione di ansia che si prova prima di sostenere qualsiasi esame è più che fisiologica e non deve destare troppi pensieri.

Contents.media