Cos’è la Vitamina K: benefici, alimenti e abbinamento con la vitamina D

La vitamina K va assunta mediante il cibo ed è fondamentale assumerla per un buon funzionamento del nostro organismo. Ecco a cosa serve.

La vitamina K è una vitamina importantissima per la salute del nostro organismo, che va assunta attraverso i cibi giusti. In genere abbinata con la vitamina D, scopriamo insieme le principali caratteristiche della Vitamina K, per capire dove si trova, come assumerla – dagli alimenti agli integratori alimentari – e in che quantità serve per evitare controindicazioni.

Che cos’è la vitamina K?

La vitamina K fa parte del gruppo di vitamine liposolubili, sostanze che vengono man mano accumulate nel fegato da ciò che mangiamo. La vitamina K, però, a differenza delle altre sostanze, non deve essere assunta spesso attraverso l’alimentazione, dato che al bisogno il nostro corpo la rilascia a piccole dosi.

Esistono tre diversi tipi di vitamina K: la K1, che è di origine vegetale e che interviene nei processi di coagulazione del sangue; la K2, che viene prodotta nel nostro intestino e che aiuta l’assorbimento della microflora intestinale; la K3, di origine sintetica, che viene inserita in alcuni farmaci anticoagulanti.

I benefici della vitamina K

La vitamina K ha molti benefici sul nostro organismo. La sostanza, infatti, interviene nei processi di coagulazione del sangue aiutando il fegato a produrre i fattori di coagulazione necessari.

La vitamina K2, invece, dato che viene prodotta dall’intestino, aiuta l’assorbimento della microflora intestinale migliorando i processi digestivi. Infine, la vitamina K è utile anche per la salute delle ossa, dato che aiuta a fortificarle evitando problematiche serie come l’osteoporosi e ossa fragili.

Come integrare la vitamina K: alimenti e rimedi naturali

In media un adulto ha bisogno di 140 microgrammi di vitamina K al giorno, da assumere mangiando gli alimenti che contengono la sostanza. Tra i cibi più ricchi di vitamina K troviamo frutti come prugne, uva, fichi, kiwi e mirtilli, oli vegetali, legumi e verdure come quelle a foglia verde, ossia broccoli, lattuga, spinaci e finocchi. Ottimi sono anche cetrioli, avocado, radicchio e bieta.

In alternativa a questi alimenti, è possibile assumere la vitamina attraverso integratori specifici.

Per approfondire:

Carenza ed eccesso di vitamina K: quali conseguenze?

Il nostro corpo ha necessità di mantenere costanti i livelli di vitamina K, dato che eccessi o carenze della sostanza possono avere serie conseguenze sul nostro stato di salute. Una carenza di vitamina K, infatti, può comportare perdita di sangue dal naso o dalle gengive, lividi, ma anche emorragie cerebrali.

Un eccesso di vitamina K, invece, è raro che provochi tossicità, ma può comportare trombosi, anemia, sudorazione eccessiva, vampate di calore, vomito e senso di oppressione al petto.

Vitamina D e vitamina K: perchè e come associarle

Non tutti sanno che associare insieme la vitamina K e la vitamina D apporta molti benefici all’organismo. In particolare, le due vitamine contribuiscono a rafforzare le nostre ossa e ad innalzare le difese immunitarie, proteggendoci così da infezioni e malattie.

Per assuemre le due vitamine insieme, quindi, basta nutrirsi dei cibi che le contengono o, in alternativa, assumere gli integratori giusti.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Disfunzione erettile in aumento tra i giovani: cause e rimedi

Dall’afasia si guarisce? Cos’è e come curarla

Leggi anche
  • dieta di NoemiDieta di Noemi: i benefici del metodo Tabata

    Con la dieta di Noemi e il metodo Tabata, a base di allenamento cardio intenso, si ottengono risultati ottimali per un fisico asciutto.

  • paolo del debbioLa dieta di Paolo Del Debbio: come ha fatto a perdere 30kg?

    Paolo Del Debbio, giornalista e conduttore televisivo, è dimagrito fino a 30 kg. Ecco la dieta che ha seguito.

  • elettra lamborghiniLa dieta di Elettra Lamborghini: cosa mangia la cantante?

    Elettra Lamborghini, cantante e influencer, è in perfetta forma. Ecco la dieta seguita dalla cantante, regina del twerking.

  • dieta antinfiammatoriaDieta: come perdere gli ultimi difficili chili

    Consumare una colazione abbondante e dei pasti dove si privilegiano le proteine, permette di perdere con facilità gli ultimi chili della dieta.

Contentsads.com