Massaggio con pietre laviche: modalità e benefici

Il massaggio con pietre laviche dona tanto benessere al nostro corpo. Ma come è meglio farlo?

Un massaggio con pietre laviche è quel che ci vuole per alleviare i dolori, rilassare i muscoli ed essere meno rigidi, e anche per migliorare la circolazione del sangue. Come possiamo approfittare dei vantaggi di questo massaggio?

Massaggio con pietre laviche

Il massaggio con le pietre laviche sfrutta il loro calore e delle tecniche di manipolazione particolari e che vadano a toccare alcuni punti del nostro corpo, affinché si liberi energia. E’ un tipo di massaggio dai tanti benefici: rilassamento immediato di tutto il corpo, vasodilatazione, miglioramento del lavoro dell’apparato nervoso. Pare che gli effetti non siano soltanto fisici, inoltre: questo massaggio agisce anche sull’equilibrio dei chakra.

Ecco quali sono i passaggi per effettuare questo trattamento.

Prepara le pietre

Le pietre laviche più utilizzate per questo massaggio sono quelle basaltiche, perché sono le migliori a trattenere il calore. E’ bene utilizzarne il giusto numero – circa 40-50 pietre – e procurarsi, tra le varie dimensioni, un paio di pietre più grandi ed ovali. Soprattutto, è meglio acquistarne o recuperare delle pietre lisce, che non siano ruvide: potrebbero irritare la pelle.

Una volta preparate le pietre, esse vanno riscaldate circa mezz’ora prima del massaggio.

La temperatura perfetta per le pietre è di 38-43°. Ben asciugate e unte con oli essenziali, le pietre saranno pronte per il massaggio.

Il massaggio

Una volta riscontrato che il calore delle pietre laviche sia adatto e non scotti la pelle, si inizia il massaggio. Ecco in che modo vanno predisposte le pietre:

  • allineate sulla colonna vertebrale in due file. Le si copre con un lenzuolo, e si può chiedere alla persona di sdraiarsi supina su di esse.
  • Le pietre piccole possono essere posizionate sul viso: sulla fronte, sul mento, sulle guance. L’olio è da evitare perché potrebbe irritare la pelle.
  • Le pietre più grandi possono invece essere disposte sulle clavicole, lo sterno e le mani.
  • Le pietre più grandi di tutte le altre, che entrano nel palmo di una mano, serviranno invece per massaggiare il resto del corpo: vanno strofinate unte sui muscoli.
  • Quando la persona si stende a pancia in giù, il procedimento sarà lo stesso: le pietre andranno disposte sulle scapole, dietro le ginocchia e tra le dita dei piedi.

Altre tecniche e consigli

Quando si dispone di pietre laviche è dunque un buon metodo quello di eseguire il massaggio servendosi di esse. Tuttavia, è possibile combinare questo procedimento a normali tecniche di massaggio con le mani. Oppure si possono alternare pietre calde e fredde: una tecnica molto consigliata a chi si sta riprendendo da un infortuno che abbia causato infiammazione e gonfiori.

Inoltre, è bene ricordare che perché i massaggi siano efficaci e benefici per il nostro corpo devono essere eseguiti nella maniera corretta. Rivolgersi a un professionista è l’ideale per sottoporsi al massaggio o per imparare come farlo.

Infine, durante il massaggio con le pietre laviche ricorda di cambiare di tanto in tanto le pietre: questo permetterà di utilizzare pietre sempre calde, e dunque di beneficiare del calore costantemente.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali sono gli effetti del freddo sulla pelle?

Se vuoi depurare l’organismo, bevi l’acqua dei fagioli

Leggi anche
Contents.media