Perché pizzica la lingua quando mangio uva

L'unico modo di trattare l'allergia all'uva è non consumarla. Se ti pizzica la lingua quando mangi uva, hai una reazione allergica alimentare.

L’uva è un frutto che si estrae dall’albero a foglie decidue chiamato vite e si coltiva in diverse regioni del Mediterraneo. Oltre ad essere un frutto delizioso, è altamente benefica per la salute. Possiede diverse proprietà grazie alla sua azione disintossicante e alla sua alta alcalinità, per cui contiene proprietà anticancro.

Tuttavia, pur essendo un alimento con meravigliosi benefici, alcuni sentono pizzicare la bocca ogni volta che mangiano questa frutta.

Allergia alimentare all’uva

Le allergie alimentari sono più abituali in alimenti come uova, latte, frutta secca, soia, frutti di mare e pesce. Tuttavia, per quanto possano essere meno frequenti, possono provocare reazione allergica anche determinati frutti, come l’uva e i prodotti derivati come il vino, i succhi e l’uva passa.

Un’allergia alimentare accade quando mangiamo – in questo caso – uva e il sistema immunitario della persona non identifica in modo corretto quell’alimento credendo che sia una sostanza dannosa. Di fronte a questo falso pericolo, il sistema immunitario comincia a produrre anticorpi chiamati immunoglobulina E contro l’uva. Pertanto, ogni volta che questa persona consuma uva, l’immunoglobulina lo percepirà e libererà sostanze chimiche allertando il corpo dal falso pericolo.

Queste sostanze sono quelle che provocano i sintomi dell’allergia tra cui il bruciore alla lingua e alla bocca.

Altre possibili cause del bruciore alla bocca quando si mangia possono essere queste:

  • Questo bruciore può provenire da una reazione allergica a un composto dell’uva. Il composto o nutriente che più reazioni allergiche provoca sono le proteine dell’uva.
  • E’ anche probabile che l’allergia dipenda dal tipo di uva che stai mangiando giacché tanto i nutrienti quanto la sua composizione non sono gli stessi.

    In quanto al colore, può essere rossa, viola, verde e bianca.

  • Un’altra causa potenziale del bruciore può essere una possibile allergia alla levatura che cresce nell’uva.
  • Dobbiamo anche considerare che durante la coltivazione sulle viti si usano diversi pesticidi. Potremmo essere allergici a quelli. Se non si lava bene la frutta potrebbe provocarci reazioni come bruciori per via dei composti dannosi, per quanto non siamo direttamente allergici a quelli.

Sintomi per identificare l’allergia

I sintomi di una reazione allergica all’uva appaiono una volta che l’abbiamo consumata. Possono prodursi dopo pochi minuti quanto dopo un’ora dall’averla ingerita. Per riconoscere un’allergia alimentare dobbiamo osservare se dopo averla consumata, oltre ad avvertire prurito in bocca, presentiamo uno o vari dei principali sintomi dell’allergia alimentare all’uva:

  • Bruciore e gonfiore della bocca, le labbra e la gola
  • Occhi irritati
  • Gengive irritate
  • Infiammazione del viso
  • Problemi o difficoltà respiratorie
  • Altri problemi respiratori come congestione nasale, asma e e dispnea
  • Orticaria
  • Eruzioni cutanee
  • Dolore stomacale
  • Vomito
  • Pressione sanguigna bassa

Curare l’allergia alimentare

Se riconosci qualcuno dei sintomi che abbiamo anteriormente spiegato, la cosa migliore da fare è consultare il tuo medico o un allergologo. Per diagnosticare una possibile allergia l’allergologo realizzerà in primo luogo un esame fisico e un questionario dietetico al paziente.

Per diagnosticare l’allergia, lo specialista potrà anche realizzare un’analisi del sangue e un test di natura cutanea nel quale espone la pelle del paziente all’allergene. In questo procedimento si misura il livello di reazione avversa toccando la superficie della pelle del paziente con l’uva.

Dai risultati degli esami che l’allergologo realizzerà, potranno emergere questi risultati:

  1. Se durante l’esame cutaneo e ogni volta che si consuma il frutto appaiono i sintomi indicati, si tratta di un’allergia alimentare.
  2. Se al contrario durante l’analisi e l’esame cutaneo si producono reazioni avverse ma in modo intermittente, è molto probabile che il causante dell’allergia non sia l’uva ma i contaminanti sulla vite.

L’unica forma di trattare l’allergia è evitare di consumarla in qualunque modo, né vino, né uva passa ecc. Quando si soffre di una reazione allergica, se lieve, può darsi che riposando un po’ passi. Se la reazione è più grave è d’uopo andare al pronto soccorso prima possibile, specie se hai difficoltà respiratorie o molto gonfiore.

Scritto da Brigitte Caturano

Scrivi un commento

1000

Come usare l’ippocastano per le vene varicose

Migliori vasche e piscinette idromassaggio da esterno

Leggi anche
  • pappa reale: proprietà, benefici, controindicazioniCos’è la pappa reale e perché è utile includerla nella tua dieta

    Un alimento sempre più utilizzato per mantenersi attivi e in forma è la pappa reale: possiede numerose caratteristiche uniche.

  • Cibi in gravidanza: cosa è bene evitare?Gravidanza: quali sono i cibi da evitare?

    Quali sono i cibi da evitare in gravidanza per non rischiare di compromettere il benessere del feto? Vediamo insieme cosa va escluso dalla dieta.

  • antibiotici naturali: quali sono e come prepararliAntibiotici naturali: quali scegliere e perché?

    Prevenire è meglio che curare, ecco una pratica lista dei migliori antibiotici naturali che puoi trovare al supermercato o in erboristeria.

  • Singhiozzo: come farlo passare con rimedi naturaliSinghiozzo: i migliori rimedi naturali

    Singhiozzare è davvero fastidioso, soprattutto perché spesso si fatica a smettere. Ecco come vincere il singhiozzo con i rimedi naturali.

  • 
    Loading...
  • frattura al polso: come si riconosce e si curaFrattura del polso: come riconoscerla e cosa fare

    È molto facile fratturarsi un osso del polso: non solo l’età, ma anche le cadute contribuiscono ad aumentare questo rischio.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.