Notizie.it logo

Tosse secca: come combatterla con miele e curcuma

tosse secca

Miele e curcuma sono elementi perfetti per combattere la tosse secca grazie alle loro proprietà antinfiammatorie.

Un rimedio naturale per combattere la tosse secca è rappresentato dal mix di due sostanze totalmente naturali: il miele e la curcuma. Il miele è ricco di potenti antiossidanti, tra i quali la vitamina C e i flavonoidi. La curcuma è un potente antibiotico naturale, dagli effetti calmanti e antinfiammatori. Le proprietà terapeutiche di questi due elementi, sono conosciute da secoli, e oggi, per evitare un sovradosaggio di farmaci e prodotti chimici, rappresentano la cura ideale per piccoli malanni. La tosse secca è particolarmente fastidiosa e va combattuta subito, in modo da non peggiorare lo stato, delle nostre vie respiratorie. La tosse secca solitamente può segnalare un’infiammazione dei bronchi di origine virale, gli stati febbrili e influenzali e varie malattie infettive dell’apparato respiratorio.

Quindi, qualora la tosse secca sia persistente e non venga attenuata con rimedi non farmacologici, sarà necessario consultare un dottore, per effettuare le appropriate indagini mediche.

Tosse secca: come combatterla

Per combattere efficacemente la nostra tosse secca ci basterà preparare uno sciroppo a base di miele e curcuma, e il sollievo sarà immediato. Munitevi ora di 100gr di miele biologico e 10gr di curcuma, inserite entrambi gli ingredienti in un barattolo di vetro e miscelate entrambe le sostanze fino a raggiungere, un mix perfetto ed uniforme. Lo sciroppo ottenuto va lasciato riposare per 24h, chiuso ermeticamente, a temperatura ambiente. Adesso siamo pronti per utilizzare il nostro sciroppo in questo modo:

  • Primo giorno – Un cucchiaino da caffè ogni ora.
  • Secondo giorno – Un cucchiaino da caffè ogni tre ore.
  • Terzo giorno – Un cucchiaino da caffè tre volte al giorno.

Lo sciroppo va lasciato sciogliere in bocca lentamente, fino al suo completo smaltimento, in questo modo, agirà direttamente sulle zone infiammate.

Il sollievo per la gola sarà immediato e la tosse secca, diminuirà notevolmente. Una parte dello sciroppo, cucchiaini a parte, può anche essere sciolto in latte o tè la mattina per colazione, oppure la sera dopocena, in una tisana.


Miele e curcuma: le proprietà

Il mix che abbiamo realizzato comodamente a casa nostra, svolge un’efficace attività antinfiammatoria, antibatterica e antivirale. Ma se dopo tre, o quattro giorni, non doveste riuscire ad eliminare o attutire la vostra tosse secca, il nostro consiglio è quello di ricorrere all’aiuto di uno specialista, delle vie respiratorie. Sappiate inoltre che la curcuma grazie al suo polifenolo principale, la curcumina, svolge molte funzioni a difesa del nostro organismo in generale e ha una potente azione immunologica. Durante la stagionale autunnale e invernale è consigliabile quindi, a carattere preventivo, assumere lo sciroppo che abbiamo preparato, in modo da risultare più resistenti e difficilmente attaccabili, dai malanni di stagione.

Il miele dal canto suo è un naturale sedativo della tosse, è ricco di antiossidanti e svolge una potente azione antinfiammatoria e antibatterica. Ogni tipo di miele ha particolari caratteristiche e per la realizzazione del nostro sciroppo, va benissimo un qualsiasi miele biologico. Ma nel caso dovessimo comprarlo, il nostro consiglio è quello di preferire un miele di bosco o un miele di girasole. Come tutti sappiamo l’unione fa la forza e quindi potete capire da soli, quali siano le potenzialità del mix miele/curcuma, due alimenti preziosi ed entrambi alcalinizzanti. Il resto dipende dalla nostra perseveranza, una volta preparato il nostro rimedio contro la tosse secca, non ci resta che usarlo in modo costante. Portarlo con noi in ufficio non è un problema, perché può restare sul nostro tavolo ermeticamente chiuso, a temperatura ambiente per molto tempo, senza perdere le sue qualità.

Gli unici a dover usare questo sciroppo con attenzione sono i diabetici e chiunque stia sostenendo cure, con l’utilizzo di farmaci. In questi due casi, non ci costerà nulla fare una telefonata al nostro medico e concordare con lui, le modalità di assunzione.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche