Psoriasi: caratteristiche, sintomi e cure

La psoriasi è un'infiammazione della pelle che può causare disturbi psicofisici importanti nei soggetti interessati

La psoriasi non è altro che un’anomala crescita e formazione dell’epidermide in alcune zone del corpo. Non può essere definita come malattia, quanto piuttosto come una situazione anomala che interessa la pelle che può comparire e scomparire spontaneamente.

Caratteristiche della psoriasi

Questa parologia è causata dal disordine di crescita e di attività dei cheratinociti. Tale anomalia nelle aree interessate si manifesta con delle placche rilevate, di colore rosso acceso, rivestite da squame biancastre. Questo disturbo della pelle è piuttosto comune e può presentarsi in qualunque parte del corpo.

Cause

I fattori che contribuiscono alla formazione della psoriasi sono molteplici. Tra gli altri, vi sono dei traumi come un incidente stradale, un intervento chirurgico particolarmente importante o una frattura ossea.

Advertisements

La psoriasi può essere causata anche da infezioni streptococciche o dai corticosteroidi sistemici. Anche lo stress può causare questo disturbo, specie nei soggetti che somatizzano a livello topico. Infine, alcuni farmaci come i beta bloccanti, i sali d’oro e il litio possono essere la causa scatenante della psoriasi.

Sintomi

La psoriasi si può manifestare in diverse forme. Si può avere la formazione di placche, che è la forma più diffusa, in cui la pelle tende a desquamarsi e ha l’aspetto di un eritema.

La forma guttata compare sottoforma di papule in seguito ad un’infezione streptococcica.

La psoriasi può manifestarsi anche sottoforma di pustole, in forma seborroica o in forma amiantacea, che interessa principalmente il cuoio capelluto.

Questo disturbo può presentarsi anche nelle unghie o dare vita ad artrite psoriasica, molto simile come sintomi all’artrite reumatoide. Infine, la forma più grave di psoriasi, che richiede anche il ricovero del paziente, è la psoriasi eritrodermica, in cui oltre ai disturbi del derma vi sono anche disequilibrio metabolico e perdita di calore.

Le zone più colpite dal disturbo della pelle sono i gomiti, le ginocchia, la zona dell’ombelico, la zona sacrale.

La psoriasi può presentarsi in qualunque individuo, ma se è dovuta a fattori ereditari, la malattia potrebbe presentarsi già in età adolescenziale, attorno ai 15 anni. Questi soggetti, di conseguenza, presenteranno forme più gravi del disturbo della pelle. In età adulta, la psoriasi compare attorno ai 30 anni di età con un primo picco, e incidere con un secondo picco attorno ai 50 anni di età.

Diagnosi e cure

La psoriasi viene di solito diagnosticata dal medico o dal dermatologo durante una semplice visita. Prima di procedere col trattamento occorre verificare alcune condizioni preliminari, ovvero se la malattia è diventata cronica e se compromette il benessere psico-fisico del paziente. È importante anche sapere se vi sono remissioni spontanee, durature o permanenti.

Una volta stabiliti con certezza questi elementi, si può decidere come procedere per il trattamento. La novità per trattare questo disturbo è rappresentata dai farmaci biologici, anticorpi che bloccano le attività delle cellule responsabili della psoriasi. Grazie a questi farmaci, è inoltre possibile bloccare eventuali effetti indesiderati.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come curare l’ipertensione con l’infuso di foglie d’ulivo

Tutto quello che c’è da sapere sulla vitamina b1: proprietà e benefici

Leggi anche
  • AcrilamideAcrilammide: cos’è, dove si trova e rischi per la salute

    Acrilammide: sostanza genotossica e cancerogena che può portare alla formazione di cellule tumorali

  • zanzara tigre rimedi puntureZanzara tigre: i rischi e le cure per proteggersi

    La zanzara tigre è una specie molto diffusa in Italia: conoscere i rischi e i rimedi contro le punture può migliorare la tua estate

  • occhi stanchi sollievoOcchi stanchi: quali rimedi naturali donano sollievo?

    Gli occhi stanchi sono un problema per le numerose persone che lavorano ogni giorno davanti al pc. Vediamo come donare sollievo agli occhi.

  • mangiarsi le unghiePerché mangiarsi le unghie è tanto pericoloso?

    Mangiarsi le unghie è un’abitudine molto pericolosa per diversi motivi. Vediamo perché è bene non cedere alla tentazione di tormentarsi le unghie.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.